Gatto curioso…

Una volta vi era una pubblicità di caramelle che definiva un delfino come curioso semplicemente per il fatto che si avvicinava ad una busta di caramelle. Questo gatto invece è realmente curioso visto che quasi tutte le mattine si infila nello spiraglio tra le tende e si affaccia alla finestra in modo da vedere e conoscere il mondo intorno a lui proprio da dietro quel vetro. La curiosità e la voglia di andare oltre fanno sì che quel gatto, affacciandosi al mattino alla finestra, vada oltre quello che è il suo circoscritto e delimitato mondo.

Gatto curioso…

Se ripenso a quel gatto ed alla  sua curiosità mi è viene in mente il fatto che in fondo alla base della conoscenza vi è proprio la curiosità. Sin da bambini infatti alimentiamo la nostra conoscenza ponendoci delle domande attraverso i nostri “perché” fino a farli diventare addirittura un gioco, “il gioco dei perché” appunto.

A volte la vita frenetica di tutti i giorni rischia di farci perdere quella curiosità che abbiamo sin da bambini, ma è nostro compito recuperarla perché la curiosità è la porta per la libertà in quanto apre la nostra mente alla conoscenza. Cerchiamo di tornare quindi ad essere curiosi e a riacquisire così il nostro senso critico, non fermandoci all’apparenza ed alla prima impressione, cosa che invece ultimamente tendiamo a fare secondo me. Steve Jobs, nel suo discorso alla Stanford University nel 2005, invitava gli studenti ad essere “affamati” e “folli”, ma forse avrebbe potuto invitarli semplicemente ad essere curiosi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...